imgres

Sciopero dei fiori di arancio

L’associazione Quelli di Calusca lancia lo sciopero dei fiori di arancio. Si tratta di un invito alle coppie eterosessuali in procinto di sposarsi affinchè posticipino il loro matrimonio fino al momento in cui anche in Italia non ci saranno le “nozze” gay. C’è anche una pagina Facebook per raccogliere le dichiarazioni solenni di non volersi…

FacebookTwitterGoogle+Condividi
imgres

Cosa dicono gli italiani sulle “nozze” gay

Cosa dicono gli italiani sulle “nozze” gay? Ecco i risultati di una ricerca svolta all’indomani del voto irlandese che ha legittimato i “matrimoni” omosessuali, ricerca sviluppata dall’agenzia Lorien Consulting. Il 51% è contrario, il 38% è favorevole. Il 76% ritiene che si possa parlare di matrimonio solo tra un uomo e una donna. A marzo la…

img-_innerArt-_ref2

Se gli italiani dicono no ai matrimoni gay

L’Europa lo pretende e il popolo italiano non vede l’ora. Dopo la vittoria dei si al referendum irlandese sui matrimoni gay, pure in Italia le solite fanfare si sono levate a musicare il gaio gingle: ora tocca a noi. Tutte balle, messe i giro dal solito social club gay firiendly della sinistra neo gender e…

imgres

Due lesbiche si baciano e interviene un vigile

Accade a Lecce. Due diciassettenni lesbiche si baciano in un parco pubblico, pure intitolato a Giovanni Paolo II. Una mamma chiama i vigili urbani che gentilmente fanno osservare alle due ragazze che il loro comportamento è da una parte inappropriato perchè in quel parchetto ci sono bambini e dall’altro può scandalizzare anche gli adulti. Una…

img-_innerArt-_no2_0

Nosiglia contro le unioni gay e la dittatura gender

L’arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia, scende in campo contro il disegno di legge Cirinnà sulle unioni civili. Lo fa con un’intervista concessa al settimanale diocesano di Torino La Voce del Popolo che sarà pubblicata domani. Inaccettabile che si voglia equiparare il matrimonio tra uomo e donna con l’unione gay. http://www.lanuovabq.it/it/articoli-nosiglia-contro-le-unioni-gay-e-la-dittatura-gender-12801.htm

images

Onda Pride

Si chiama “It’s #HUMAN Pride”  e metterà all’interno della stessa cornice 15 gay pride che si svolgeranno tra giugno e luglio in tutta Italia. Si legge sul sito ufficiale:  ”Riesci a sentire questo grido?  È il grido di milioni di persone che pretendono un paese più umano di questo. Un paese senza discriminazione, senza odio, senza violenza.…

img-_innerArt-_ex2_0

Avanti gay, un posto all’Expo non si nega a nessuno

I giovani musulmani che domenica si sono piazzati ai tornelli dell’Expo milanese a distribuire volantini, evidentemente non sapevano che bastava chiedere al commissario Giuseppe Sala per farsi accogliere dentro anziché starsene fuori all’addiaccio. Alla Fiera del cibo c’è posto per tutti, anche per i gay. http://www.lanuovabq.it/it/articoli-avanti-gay-un-posto-allexpo-non-si-nega-a-nessuno-12792.htm

img-_innerArt-_scu2_2

Basta con le briciole. Via dallo Stato le paritarie No, qualcosa c’è. Dobbiamo continuare a lottare

Vale ancora la pena lottare per la parità scolastica? Non sarebbe meglio “uscire dallo Stato” e godere di una vera libertà? Qualcuno inizia a domandarselo, e non senza ragioni. Dopo anni di lotta, anche l’ultima riforma ha concesso alle famiglie solo briciole. E poi, c’è l’insegnamento gender che si profila obbligatorio anche per le paritarie.…

Ozenen-420x278

Turchia, il gender entra nelle urne

Il prossimo 7 giugno la Turchia è chiamata alle elezioni parlamentari. Da una parte abbiamo il partito pro-islam Akp del presidente Recep Tayyip Erdoǧan, dall’altro c’è il sinistrorso Partito dell’Anatolia guidato da Deva Özenen (nella foto) che ha inserito nel proprio programma anche l’agenda gender. Stessi intenti muovono Banş Sulu dell’Hdp, omosessuale dichiarato che nel 2011 chiese di sposare il proprio compagno…

img-_innerArt-_ban2_0

Prima pacifisti ora gay. L’Arcobaleno per tutte le stagioni

Ricordate le bandiere della pace che invasero l’Italia ai tempi della seconda guerra contro Saddam? Erano a strisce arcobaleno, stessi colori oggi esibiti dai movimenti gay e Lgbt. Ma allora venivano impiegate nei cortei contro la guerra e contro gli Usa. Oggi l’arcobaleno torna alle origini, ma gli sbandieratori sono sempre quelli. http://www.lanuovabq.it/it/articoli-prima-pacifisti-ora-gay-larcobaleno-per-tutte-le-stagioni-12787.htm