Il Tar boccia un altro sindaco

Era già successo a Padova dove il sindaco aveva destinato per la celebrazione delle unioni civili una sala differente rispetto a quella usata per i matrimoni. La delibera aveva trovato la bocciatura da parte del Tar.

Ora il copione si ripete a Stezzano dove la prima cittadina ha negato alle coppie che si vogliono unire civilmente la sala destinata ai matrimoni. Anche in questo caso il Tar è intervenuto e ha annullato la delibera. Non solo: il comune dovrà pagare alla coppie 4 mila euro per risarcimento danni morali.

Come abbiamo già avuto modo di commentare: “o l’unione civile non è giuridicamente un matrimonio – e allora la disparità di trattamento è doverosa – oppure i due istituti coincidono in tutto e per tutto, nonostante la lettera della legge Cirinnà dica altro”.

http://gwnblog.lanuovabq.it/unioni-civili-il-tar-boccia-il-sindaco-di-padova/

http://www.arcigay.it/comunicati/unioni-civili-il-tar-boccia-un-altro-sindaco/

FacebookTwitterGoogle+Condividi