Liturgia trans per la Chiesa d’Inghilterra

Il Sinodo Generale della Chiesa di Inghilterra ha approvato una mozione sulle persone transessuali proposta da mons. Chris Newlands, vicario della diocesi di Lancaster. La mozione prevede la redazione di linee guida per includere le persone transessuali nella vita della Chiesa e una nuova liturgia a loro dedicata: “Si tratta di una meravigliosa opportunità – ha affermato mons. Newlands – per creare una liturgia che parla con forza alle specificità del popolo trans e contribuisca significativamente al loro benessere e sia per loro di supporto”. Verrebbe da chiedersi perché, per evitare atteggiamenti discriminatori,  non inventarsi una liturgia anche per anziani, disabili e senza tetto, dato che anche loro sono categorie di persone socialmente fragili ed emarginate.

Mons Newlands ha poi commentato: “Spero che potremo arrivare a redigere una dichiarazione forte per affermare che noi crediamo che le persone trans sono accolte e amate da Dio, che le ha create ed è presente in tutti momenti della loro vita”. Poi ha aggiunto: “Il Sinodo è cambiato – abbiamo svoltato l’angolo. [...] i vescovi hanno capito che non possono continuare a fare quello che hanno sempre fatto.”

Bene accogliere le persone transessuali, male invece accogliere la transessualità.

http://gaynewseurope.com/it/2017/08/04/la-chiesa-dinghilterra-accoglie-e-afferma-le-persone-trans/

http://www.irishnews.com/news/uknews/2017/07/10/news/church-of-england-has-turned-a-corner-following-transgender-vote-1080068/

http://www.telegraph.co.uk/news/2017/07/09/transgender-worshippers-could-get-church-services-celebrate/

FacebookTwitterGoogle+Condividi